Come affrontare gli sbalzi d’umore prima e durante le mestruazioni

 

Per affrontare gli sbalzi d’umore legati al ciclo mestruale, scopriamo qualche trucco, un poco di buon senso e sfatiamo qualche mito ancora oggi troppo diffuso.

Affrontare gli sbalzi d’umore  prima delle mestruazioni

Può capitare che prima dell’inizio delle mestruazioni, il livello del progesterone che scende ci crei qualche piccolo problema di sbalzi d’umore, specialmente se il nostro ciclo non è ancora regolare.

Non bastano però le spiegazioni fisiologiche a giustificare sbalzi d’umore eccessivi, che devono essere ricondotti non già al ciclo mestruale, ma ad altri fattori.

Se prima delle mestruazioni ci sentiamo davvero molto emotivamente in difficoltà, potrebbe essere un segnale importante e dovremmo parlarne con il nostro medico.

Il miglior modo per affrontare gli sbalzi d’umore prima delle mestruazioni, è quello di ridimensionare il problema, che spesso viene ingigantito in modo eccessivo, sull’onda di pregiudizi e di tabù culturali legati al ciclo mestruale femminile.

Stiamo ovviamente parlando di donne adulte: per le ragazze più giovani, che sono alle prese con le loro prime mestruazioni, è più facile che l’ansia legata all’arrivo del ciclo mestruale faccia in modo, proprio nei giorni che precedono il ciclo, di aumentare e quindi di creare sbalzi d’umore dovuti alla tensione e non alle mestruazioni in se stesse.

Ricordiamo che la sindrome premestruale, anche se il nome è decisamente poco indovinato, non indica una malattia o uno stato di malattia, ma un normale periodo del periodico ciclo ormonale femminile, che dura dalla prima mestruazione sino alla menopausa.

Se ci sentiamo in ansia, se i nostri sbalzi d’umore prima delle mestruazioni ci sembrano eccessivi, la cosa migliore da fare è cercare di capire a cosa sono dovuti.

Temiamo che le prossime mestruazioni saranno molto dolorose? Siamo preoccupate per l’arrivo delle mestruazioni perché desideriamo un figlio? Siamo preoccupate perché potrebbero non arrivare?

Sleghiamo quindi quelli che sono i fattori esterni dai fattori fisiologici.

Questi fattori fisiologici, da soli, possono causare un lieve calo di sopportazione ed un lieve abbassamento della nostra normale soglia di tolleranza.

Il calo del progesterone, fisiologico, in se stesso non crea, in una cultura in cui il ciclo mestruale è oramai da miliardi di anni scollegato dalla sopravvivenza della specie, alcun fastidio reale se non in caso di ciclo ormonale non ben funzionante.

Più che affrontare gli sbalzi d’umore, quindi, dovremo prendere coscienza del fatto che se si presentano con regolarità e non esiste una causa esterna , come ad esempio il timore di una gravidanza indesiderata, la cosa non è affatto normale ed il miglior modo per affrontare il problema è parlarne con il nostro medico e con il ginecologo di fiducia.

Affrontare gli sbalzi d’umore durante le mestruazioni

Durante le mestruazioni, non esiste invece alcun motivo fisiologico per cui il nostro stato emotivi debba essere alterato.

Di fatto, il livello degli ormoni la cui variazione potrebbe creare qualche fastidio, durante il periodo mestruale resta praticamente inalterato.

Le mestruazioni però, sono a volte abbastanza dolorose, sono stancanti perché si perdono liquidi e ferro, e di fatto gli sbalzi d’umore legati al mestruo sono dovuti non proprio alle mestruazioni, ma ad eventi collaterali.

Una certa stanchezza, dovuta sia al dolore che alla perdita di sangue, ci rende automaticamente più soggette a sbalzi d’umore d stanchezza.

Il modo migliore per affrontare questi sbalzi, quidni, è quello diu seguire le indicazioni del nostro corpo.

Ricaviamoci qualche momento di riposo aggiuntivo, non dimentichiamo di integrare la nostra alimentazione, facciamo un periodico controllo e, se il senso di spossatezza è molto elevato, controlliamo di non avere problemi di anemia che si possono aggravare durante le mestruazioni.

Cerchiamo di utilizzare prodotti naturali per alleviare il dolore ed anche per conciliare il sonno che, con l’addome addolorato, potrebbe stentare ad arrivare ed essere poco riposante, con la conseguenza di crearci sbalzi d’umore dovuti a semplice stanchezza fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *