Come regolarizzare il ciclo mestruale in modo naturale

Molti problemi si possono curare semplicemente seguendo una adeguata e bilanciata alimentazione, ma se ci stiamo chiedendo come regolarizzare il ciclo mestruale in modo naturale, dobbiamo tenere presenti alcuni importanti fattori di ordine medico e ricordare che, in caso di mestruazioni irregolari, non possiamo sempre utilizzare semplici cure fai da te.

Ciclo mestruale irregolare

Si parla di ciclo mestruale irregolare quando il ciclo si discosta dalla durata, dalla periodicità e dal flusso considerati normali.

In un ciclo normale, le mestruazioni arrivano ogni 28 giorni, hanno una durata variabile dai 3 ai 7 giorni, producono una perdita ematica che varia dai 28 agli 80 millilitri per ogni ciclo mestruale.

Per quel che riguarda la periodicità, sono considerati ancora nella norma intervalli che variano dai 25 ai 36 giorni. Mestruazioni con periodicità inferiore ai 25 giorni (polimenorrea) o superiore ai 35 giorni (oligomenorrea), devono metterci in allarme e dobbiamo eseguire un controllo medico ed un controllo ginecologico.

Sulla oligomenorrea, periodicità superiore ai 36 giorni, od anche sulla amenorrea (assenza di mestruazioni per oltre 3 mesi), può influire in modo significativo la nostra alimentazione, poiché la scarsità della alimentazione, intesa come una vera e propria malnutrizione, può causare un rallentamento ed infine il blocco totale del ciclo mestruale. si parla però di casi in cui l’alimentazione è non solo sbagliata o poco adeguata, ma veramente insufficiente per poter permettere al nostro corpo di svolgere le sue normali funzioni fisiologiche, incluse quelle che attengono alla sfera della riproduzione. Chiaramente in questo caso occorre consultare un medico ed in seconda istanza anche un ginecologo, ma ricordiamo che in questi particolari casi, sono tutte le unzioni del nostro corpo ad essere messe a rischio ed un diradamento, fino ad arrivare alla ’assenza di mestruazioni, è solo un sintomo visibile di un profondo squilibrio organico che, in casi estremi, porta anche alla morte per malnutrizione.

Un lungo intervallo fra una mestruazione e quella successiva, può anche significare che abbiamo un problema a carico di una delle due ovaie, che ovulano in modo alterno. Se esiste un problema a carico di una delle due ovaie, questo potrebbe manifestarsi con un grande allungamento del periodo intermestruale, poiché una delle due ovaie non è in grado di produrre un ovulo.

Quando invece la periodicità del ciclo è inferiore ai 25 giorni, invece, il nostro copro non ha il tempo per produrre l’ovulo e farlo correttamente insediare. Le cause possono essere moltissime, ed occorre fare una visita di controllo generale oltre ad una visita ginecologica. Le mestruazioni, in questo caso, possono essere talmente tanto frequenti da impedire la corretta maturazione dell’ovulo ed essere, di fatto, sterili.

In tutti i casi, essendo il ciclo mestruale un ciclo complesso, che attiene al nostro ciclo ormonale, quando le mestruazioni sono troppo irregolari occorre andare dal medico e verificare sia il nostro ciclo ormonale, sia la nostra tiroide che lo guida, sia la nostra ipofisi, sia l’0equilibrio generale del nostro corpo e del nostro apparato riproduttivo.

L’alimentazione può curare alcune cose

Con una alimentazione corretta ed equilibrata, però, possiamo curare alcune cose, anche se parlare di cura è abbastanza fuorviante.

Di fatto, una alimentazione squilibrata e poco salubre, si riflette su tutto il nostro organismo, ed anche sul nostro ciclo mestruale.

Una alimentazione sana, corretta, il più possibile naturale, ci aiuterà a prevenire alcune delle disfunzioni della periodicità mestruale, ovvero quelle che sono più strettamente legate allo stato fisico ed al benessere in generale, mentre con la sola alimentazione non potremo guarire da un problema ormonale, né da un problema di funzionamento dei nostri organi riproduttivi.

Mangiare sano e mangiare in modo equilibrato sono sicuramente una via per una migliore salute, ma nel caso di cicli mestruali davvero irregolari, la cura fai da te è pericolosa: occorre indagare sui motivi delle irregolarità e rivolgersi al nostro medico ed al nostro ginecologo di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *