Prima mestruazione: come parlare a tua figlia di questo evento

Un evento importante nella vita di nostra figlia, che segna una demarcazione netta fra la bambina e la futura donna. Ma come parlare a tua figlia delle prime mestruazioni?

I figli capiscono molto più di quel che crediamo

Dal momento che non viviamo più in tempi in cui tutto ciò che era legato all’essere donna veniva accuratamente nascosto, ricordiamoci sempre che i nostri figli capiscono molto di più di quel che potremmo pensare.

In una casa normale, in cui il bagno è condiviso fra noi e nostra figlia, non sfuggiranno certo i pacchi di assorbenti o, ancora meglio, i contenitori per la nostra coppetta mestruale come questi https://coppettamestruale.net/coppette/contenitori-coppette-mestruali/.

Se abbiamo inoltre un ciclo che ci procura dolore addominale, anche se sarà nostra cura sminuire il dolore davanti a nostra figlia per non spaventarla, nei lunghi anni della infanzia e della preadolescenza, durante i nostri 13 cicli annuali, nostra figlia avrà modo di vedere e di capire che ci sono giorni particolari diversi dal solito.

Anche quando ancora non è in grado di capire cosa significa, possiamo tranquillamente dire che abbiamo le mestruazioni, magari chiedendole di portarci la nostra agendina per segnare il primo giorno del ciclo mestruale.

In questo modo, con il passare del tempo, nostra figlia capirà che le mestruazioni sono una cosa normale e che è una buona regola tenere traccia dei giorni mestruali sulla propria agenda.

Quando si  avvicinerà l’inizio delle mestruazioni, o semplicemente quando nostra figlie ce lo chiederà, potremo tranquillamente rispondere che ogni donna, anche lei quando diventerà grande, ha le mestruazioni e che queste mestruazioni sono il segnale che una donna può avere dei bambini.

Evitiamo le lezioni troppo teoriche

Non serve spiegare anzitempo a nostra figlia quale sia il ciclo ormonale femminile, quale sia il ciclo riproduttivo. Soprattutto non serve parlarne in modo troppo teorico.

Teniamo presente che, sino alla età prepuberale, nostra figlia non capirà alcuna delle motivazioni legate alla vita sessuale, mentre può capire benissimo esempi tratti dalla natura. Assecondiamola quando ci pone domande, anche se ci sembrano strane, e cerchiamo di utilizzare concetti che possa comprendere.

Inutile spaventarla, così come è inutile far finta di nulla e non parlarne affatto, delegando il tutto alla educazione che avrà a scuola.

Le prime mestruazioni sono un momento importante per la vita di nostra figlia, e spesso arrivano con un largo anticipo su quelli che sono i tempi di maturazione psicologica.

Non colleghiamo quindi strettamente le mestruazioni al fatto di avere bambini, ma solo alla possibilità.

Quando, da piccoli, i bambini perdono i denti da latte e spuntano i nuovi denti definitivi il  processo di cambiamento è lungo, mentre le mestruazioni, se non facciamo attenzione a notare anche i cambiamenti fisici nel corpo di nostra figlia, potrebbero arrivare all’improvviso.

Rendiamo quindi nostra figlia partecipe delle nostre mestruazioni, spiegandole che, mano a mano che diventerà grande si avvicinerà anche per lei il momento di avere il suo personale ciclo.

Ricordiamo che il nostro imbarazzo non potrà fare altro che creare imbarazzo in nostra figlia, facendole già prima del tempo sembrare le sue prime mestruazioni come un evento da temere e da guardare con paura.

Se noi viviamo tranquillamente il rapporto con il nostro corpo, incluso il nostro ciclo ormonale e le nostre mestruazioni, nostra figlia imparerà molto di più da come ci comportiamo che da qualunque lezione teorica che potremmo pensare di farle, cercando di rendere il tutto asettico ed impersonale. Come se non riguardasse né noi, né lei.

Chiariamole i punti oscuri, parliamo con serenità anche dei cambiamenti del suo corpo che precedono l’arrivo delle sue prime mestruazioni, e soprattutto mostriamole che le mestruazioni sono una cosa assolutamente normale, anzi: le sua prima mestruazione segna una tappa importante nella sua futura vita di donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *